“Fra gli affanni e le pene della vita” di Rabindranath Tagore – poesia n°17

Per il poeta indiano Rabindranath Tagore, solo colui che riesce a comprendere l’unità di anima e corpo con il mondo può trovare un senso alla vita. Colui che scorge la Verità, non la sminuisce né per paura, né per superbia, né per ignoranza.

Fra gli affanni e le pene della vita,
questo messaggio dei saggi brilla lucente
nel mio cuore:
«L’immortale si manifesta in gioia».
Mostrar l’inverso è solo ingegno vano,
cercando di sminuire il Grande.
Colui che vede la Verità Suprema
oltre il Tempo e lo Spazio, nella sua interezza –
sol per lui la vita ha un senso.

28 novembre 1940, mattino, da Ali della morte