“Il Jabberwocky” – Lewis Carrol

Questa filastrocca nonsense, che appare nel romanzo di Carrol “Alice attraverso lo specchio”, è da sempre stata di difficile traduzione, così come il romanzo stesso, per via dei giochi di parole usati dall’autore. Il Jabberwocky spesso è tradotto come “Ciciarampa”, “Giabervocco”, “Ciarlestone” e altri modi.

Qui propongo una delle varianti di traduzione, di Silvio Spaventa Filippi:

S’era a cocce e i ligli tarri
girtrellavan nel pischetto
tutti losci i cencinarri
suffuggiavan longe stetto.
Figlio attento al Giabervocco:
ha gli artigli ed ha le zanne,
ed attento, attento al Tocco,
e disprezza il frumio Stranne!
Egli prese in man la spada,
da gran tempo lo cercava,
e sull’albero di nada
in pensiero riposava.
Mentre stava sì in pensiero
ecco il Giabervocco appare
per il bosco artugio e fiero
tutte alunche fiamme pare.
Uno e due! Ecco che fa
l’itra spada zacche, zacche.
L’erpa testa ei lascia, e va
galonfando pel pirracche.
“Hai ucciso il Giabervocco!
Vieni, figlio, che t’abbracci,
vieni, figlio, al bardelocco
dei dì lieti di limacci!”
S’era a cocce e i ligli tarri
girtrellavan nel pischetto,
tutti losci i cencinarri
suffuggiavan longe stetto.